ESAME BAROPODOMETRICO

L’esame baropodometrico è utile per studiare il comportamento del piede in condizioni di staticità e dinamicità allo scopo di comprendere l’effettiva deambulazione del paziente e realizzare così il giusto plantare ortopedico. Può essere utile a tutti coloro che hanno problemi alle estremità o di deambulazione, o di deformazione (come ad esempio alluce valgo, dita a martello, ecc.), oppure che lamentano disturbi al ginocchio, all’anca o alla colonna vertebrale.

Cos’è?

L’esame baropodometrico è un metodo di analisi accurato e sofisticato, che consente di rilevare la quantità di carico esercitata su ciascun punto di appoggio del piede per valutare come correggere la postura del paziente e consigliare l’eventuale uso del plantare come soluzione correttiva alle problematiche riscontrate.

A cosa servono la visita e l’esame?

Si consigliano la visita e l’esame baropodometrico a coloro che accusano dolori al sistema muscolo-scheletrico, alla schiena e ai piedi. L’esame è consigliato anche ai bambini in età prescolare e scolare, in quanto consente di individuare o prevenire eventuali problemi di postura, rieducando la camminata per evitare patologie in età adulta. Il risultato dell’esame è utile per valutare la necessità di un plantare ortopedico su misura, come soluzione correttiva della postura a salvaguardia delle ossa e delle articolazioni.

Come si svolge?

Il test consiste nel far salire il paziente a piedi nudi sulla “pedana podobarometrica” che è in grado di rilevare lepressioni di appoggio del piede al suolo, la stabilità del corpo e la distribuzione delle masse sulla pianta del piede. La pedana con cui si esegue l’esame è formata da una serie di sensori di pressione, collegati ad un computer ed un software di calcolo, il quale elabora molteplici parametri sia statici che dinamici, come le oscillazioni corporee, le varie fasi del passo e le eventuali asimmetrie posturali. È importante l’esperienza dell’operatore nell’analizzare i dati ed ottenere utili e corrette informazioni su carico e postura. L’esame dura 15-20 minuti e si svolge in 3 fasi:

  1. statica: il paziente è posizionato in maniera eretta per misurare il carico sui piedi;
  2. dinamica: il paziente deve svolgere una serie di passi per monitorare come i piedi svolgono la fase della camminata;
  3. stabilometrica: per verificare il baricentro del paziente e l’equilibrio del suo corpo.

L’esame, tramite la valutazione approfondita dello svolgimento del passo, evidenzia le alterazioni deambulatorie (pronazioni, instabilità, ecc.) derivate da problemi del piede, caviglia, ginocchio, ecc. ed è indispensabile nella valutazione periodica dei pazienti per affinare meglio la diagnosi e per dare più precise indicazioni terapeutiche.

Quali sono i vantaggi?

  1. individua la postura sbagliata che può condizionare le diverse parti del sistema locomotore;
  2. educa il paziente a comprendere gli aspetti meccanici e fisiologici che condizionano la postura del proprio corpo;
  3. aiuta a prevenire, nei bambini ed adolescenti, il rischio di subire disturbi posturali o muscolo-scheletrici.

Plantare: perché è utile

In sintesi, lo scopo dell’esame baropodometrico è quello di valutare la necessità di realizzare un plantare ortopedico su misura per il paziente, in quanto nella maggior parte dei casi non è sufficiente utilizzarne uno classico per risolvere una specifica patologia. Esistono plantari che possono essere utilizzati nella fase iniziale oppure quando il paziente ha ritrovato la camminata normale. È importante affidarsi a fisioterapisti esperti in grado di effettuare l’esame, interpretarne il risultato e personalizzare l’efficacia del plantare per ciascun paziente.

YouFisio è a vostra disposizione con il nostro servizio di specializzazione YOUFOOT!
Affidate l'appoggio dei vostri piedi in mani sicure!